Altri temi di grande interesse

CASSE DI ESPANSIONE E TAGLI AMENTO

Netta contrarietà alla loro costruzione.
La nuova amministrazione senza indugi e senza titubanza affronterà con molta decisione questo problema in tutte le sedi istituzionali preposte. Il Tagliamento non deve essere un problema ma una risorsa con cui poter realizzare determinati progetti sia a sfondo ambientale che turistico assieme. Vanno sostenute, pertanto, tutte quelle associazioni che si battono da sempre per evitare di avere uno scempio sul Tagliamento, ma nello stesso tempo vanno tutelati in maniera forte e decisa anche coloro che nel tempo ha investito nel Tagliamento, in particolare tutti quegli agricoltori che per troppo tempo hanno avuto promesse dalla Regione di riconoscimento a seguito della forte svalutazione dei terreni creati dai vari vincoli idraulici e che mai hanno trovato una risposta concreta. Si deve andare “dalla protesta alla proposta”, perché è di questo che abbiamo bisogno.

TERRITORIO

II ruolo fondamentale che Spilimbergo deve avere è proprio con il Territorio circostante. Sviluppare sinergie con i Comuni limitrofi con l’obiettivo di riduzione della spesa pubblica e di dare maggiore efficienza ed efficacia all’azione amministrativa, garantire forme di nuova progettualità sia nel campo sociale, socio-economico, culturale e turistico per aver maggior forza nelle istituzioni e maggiore potere contrattuale nei confronti della Regione anche in virtù della nuova Legge Urbanistica Regionale e la realizzazione di indirizzi e proposte finalizzate alla costruzione dei Piani sovracomunali.

OSPEDALE E POLITICA SANITARIA

Vigilare attentamente sul rispetto della corretta applicazione di quanto dispongono le leggi regionali in materia socio-assistenziale e sanitaria per quanto concerne anche il ruolo rivestito dall’ospedale di Spilimbergo come OSPEDALE DI RETE DELLA PEDEMONTANA. Verificare che i vari reparti siano efficienti e funzionali per dare risposte concrete alla popolazione di tutto il territorio. Puntare all’implementazione dei posti di Medicina, l’istituzione di una RSA (Residenza Sanitaria Assistita) e dell’Ospedale di Comunità a supporto anche della istituenda Medicina di Gruppo. Potenziamento dei servizi territoriali con maggiore personale infermieristico per le visite a domicilio. Tali esigenze sono estremamente urgenti per dare risposta alla popolazione anziana del territorio. Spingere sulla massima funzionalità della Terapia semintensiva e del Pronto Soccorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *